MONITORAGGIO E PREVISIONI DEL RISCHIO DI INNESCO INCENDI BOSCHIVI SUL TERRITORIO

In questa pagina è possibile visionare, grazie alla collaborazione con le squadre AIB del territorio, gli aggiornamenti sulle operazioni di spegnimento di incendi boschivi sviluppatisi sul territorio. E' inoltre possibile consultare il bollettino di previsione per il rischio di innesco e propagazione di incendi boschivi, redatto da Arpa Piemonte.

Gli aggiornamenti dalle squadre AIB

Aggiornato il 05.11.2017 alle ore 15:05

Nessun aggiornamento pervenuto dalle unità d'intervento.

Bollettino quotidianamente aggiornato sul rischio di innesco e propagazione degli incendi boschivi valido sul territorio regionale.

Servizio elaborato da Meteo Pinerolese su base del Sistema Regionale e dell'Arpa Piemonte.

PREVISIONE PER OGGI
PREVISIONE PER DOMANI
PREVISIONE PER DOPODOMANI

Il territorio piemontese è stato suddiviso in 58 aree-base, che costituiscono, a tutti gli effetti, le aree soggette al piano antincendi. Tali aree sono state definite dal Servizio Prevenzione Incendi della Regione sia in funzione dei confini di alcuni comuni e delle comunità montane, sia dell’analisi degli incendi relativamente al periodo storico più recente.

Il nostro territorio corrisponde alle aree-base numero:

24

Val Pellice

25

Val Chisone e Germanasca

26

Pinerolese Pedemontano

27

Val Sangone

INDICE METEOROLOGICO DI PERICOLO INCENDI BOSCHIVI (FWI)

e sottoindici

Il combustibile, la topografia e le condizioni meteorologiche sono tre componenti che interagiscono tra di loro; la somma delle loro interazioni determina il comportamento dell’incendio.

La quantità di combustibile, atta a bruciare, dipende dall’umidità del combustibile, che è legata all’umidità relativa atmosferica ed alla precipitazione, passata e presente; quindi le condizioni meteorologiche agiscono direttamente sul comportamento dell’incendio (innesco, dispersione ed estinzione).

L’indice FWI fornisce una indicazione della possibilità di innesco di un incendio in base allo stato di idratazione degli strati di combustile forestali e dalla variabilità climatica in atto.

 

Il sistema è costituito da sei componenti: tre sottoindici primari (FFMC, DMC, DC) rappresentano l’umidità del combustibile e seguono i cambiamenti giornalieri dei contenuti di umidità di tre classi di combustibile con diversi tassi di essiccamento; due sottoindici intermedi (ISI, BUI) rappresentano il tasso di dispersione ed il consumo del combustibile disponibile; l’indice finale (FWI) rappresenta l’intensità dell’incendio come tasso di energia uscente per unità di lunghezza del fronte dell’incendio.


Le sue componenti sono ottenute ogni giorno sulla base di osservazioni meteorologiche registrate alle ore 12 UTC da stazioni meteorologiche: temperatura, umidità relativa, velocità del vento e precipitazione cumulata nelle 24 ore precedenti. 
I 3 codici di umidità del combustibile possono essere in fase di bagnamento (aggiungono umidità al combustibile dopo se piove) o in fase di essiccamento (sottraggono umidità al combustibile per ciascun giorno secco).

  • “Fine Fuel Moisture Code” (FFMC) è un indicatore numerico del contenuto idrico dei combustibili fini e riflette la facilità con cui si infiammano.

  • “Duff Moisture Code” (DMC) è un indicatore numerico del contenuto idrico medio degli strati organici moderatamente profondi compattatati grossolanamente.

  • “Drought Code” (DC) rappresenta lo strato profondo di materia organica compattata.

  • “Initial Spread Index” (ISI) è una combinazione di vento e FFMC e rappresenta il tasso di dispersione senza l’influenza delle quantità variabili del combustibile.

  • “Buildup Index” (BUI) è una combinazione pesata di DMC e DC, media armonica dei contenuti di umidità dei due strati più profondi di combustibile.

  • “Fire Weather Index” (FWI) combina l’informazione derivata da ISI e BUI, fornendo una stima numerica del grado di pericolo d’incendio più probabile.

LIVELLI DI PERICOLO

L’output dell’indice FWI è un valore numerico che, al fine di rendere esecutiva la previsione del pericolo incendio, deve essere identificato con un livello di pericolo. Per questo motivo i valori di FWI devono essere rapportati con il livello di pericolo incendio ottenuto utilizzando una suddivisione in classi.


Ai fini operativi è stato deciso di suddividere il pericolo in 5 LIVELLI:

Il materiale sovrastante è tratto dal portale "RischiNaturali" di Arpa Piemonte

© Centro Meteo Pinerolese a cura di Alessandro Turin

Meteopinerolese.it, nato nell'estate del 2012, è il primo portale meteorologico del Pinerolese e Valli.

Le informazioni meteorologiche presenti sul sito vengono redatte con la massima perizia possibile; la loro accuratezza e affidabilità, come scientificamente noto, non è comunque garantita in alcun modo. Centro Meteo Pinerolese declina pertanto ogni responsabilità per qualsiasi tipo di danno, inclusi senza alcuna limitazione, danni risultanti dalla perdita di beni, profitti e redditi, anche solo ipoteticamente collegabile all'uso corretto o scorretto delle informazioni divulgate sul sito.


Decliniamo altresì ogni responsabilità relativa al contenuto dei siti raggiungibili tramite link presenti sulle nostre pagine. 

Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vi preghiamo di comunicarcelo via email all'indirizzo info@meteopinerolese.it.