Tempo in peggioramento, pioggia e neve in arrivo sulle nostre montagne.


Condividi sui Social



Il graduale approssimarsi di un minimo di bassa pressione dal nord-Europa convoglierà nel Pinerolese aria fredda e umida nelle giornate di oggi e domani causando nuvolosità diffusa e qualche sporadica precipitazione. Giovedì, il transito del minimo depressionario sulla nostra regione porterà una progressiva intensificazione delle precipitazioni e delle correnti di aria fredda in quota causando rovesci moderati e un sensibile calo della quota neve sino a 1200/1300 metri di altitudine.



 

Vediamo la situazione più nel dettaglio:

MERCOLEDI': La mattinata e in parte il pomeriggio saranno interessati da nuvolosità prevalentemente irregolare con qualche limitata schiarita, più probabile lungo le vallate. A partire da metà pomeriggio, assisteremo ad un progressivo aumento della copertura nuvolosa ed in serata si avranno probabilmente le prime deboli e sporadiche precipitazioni.

MATTINA

*
*
*
*

POMERIGGIO

*
*
*
*


GIOVEDI': Cielo molto nuvoloso o coperto. Fino alla tarda mattinata sono attese precipitazioni sparse, in prevalenza deboli e al più a carattere intermittente, con la quota neve che si manterrà sui 1700 metri. A partire dalle ore centrali della giornata, l'occlusione conseguente al passaggio del minimo sulle nostre zone causerà una decisa intensificazione dei fenomeni a tutte le quote con rovesci moderati e diffusi, a carattere nevoso oltre i 1600-1650 metri. Dal tardo pomeriggio, l'ingresso di aria più fredda favorirà un sensibile calo della quota neve, con i fiocchi che potranno raggiungere anche 1200/1300 metri di altitudine. Un graduale miglioramento sarà poi atteso nella notte con le precipitazioni in graduale esaurimento per l'allontanamento del minimo depressionario.

MATTINA

                                    Quota Neve: 1700m
*
*
*
*
*

POMERIGGIO

                                    Quota Neve: 1650m
*
*
*
*
*

QUANTA NEVE CADRA'?: E' ancora presto per dirlo, ma stando alle proiezioni dei modelli fisico-matematici attualmente disponibili, cadranno mediamente circa 20 cm a 2000m e 6/10 cm a 1500 metri. L'attendibilità per la stima degli accumuli è però da ritenersi ancora molto bassa.