BOLLETTINO NEVE E VALANGHE

Il bollettino Nivologico e del pericolo Valanghe è redatto giornalmente sui dati rilevati dalle stazioni meteorologiche di Arpa Piemonte e dalle informazioni ufficiali pervenute dalle località sciistiche del Pinerolese. Il nostro portale è partner di Prali Ski Area e di Rucas.


PERICOLO VALANGHE DEL 26 marzo 2017
PERICOLO VALANGHE
CONSIGLI

 

DETTAGLI SULL'ATTUALE PERICOLO VALANGHE

INDICAZIONI PER ESCURSIONISTI, ALPINISTI E SCIATORI FUORIPISTA
Le gite sciistiche non sono generalmente possibili.
STABILITÀ DEL MANTO NEVOSO
Il manto nevoso presenta un limitato consolidamento.
PROBABILITÀ DI DISTACCO VALANGHE
Sono da aspettarsi molte grandi valanghe spontanee, anche su terreno moderatamente ripido.
PROBLEMA PRINCIPALE 1: Neve instabile. Valanghe da sovraccarico.
ESPOSIZIONE
PROBABILITà
TREND

PERICOLO VALANGHE DEL 26 MARZO
Su A. Pennine di confine, Graie, Cozie N, Cozie S di confine e A.Marittime W permane una forte instabilità del manto nevoso: sono probabili numerose valanghe di medie dimensioni e in alcuni casi grandi valanghe e il distacco provocato è legato al debole sovraccarico sulla maggior parte dei pendii ripidi. Sui restanti settori l’attività valanghiva spontanea presenta minore entità.
CARATTERISTICHE MANTO NEVOSO ATTUALE
La settimana è stata caratterizzata da cieli prevalentemente coperti in montagna associati a valori di ZT in graduale diminuzione dai 3000m di inizio settimana fino a valori prossimi o inferiori ai 2000m tra giovedì e venerdì determinando una significativa umidificazione del manto al di sotto dei 2400-2600m. La percolazione di acqua liquida derivante dalla fusione ha interessato non solo gli strati superficiali del manto quali croste da fusione e rigelo (versanti soleggiati) e croste da vento (versanti ombreggiati) ma anche gli strati interni a ridotta resistenza determinando una generale perdita di coesione e quindi di stabilità. La nuova neve, molto instabile dove i quantitativi sono maggiori, appesantisce e può andare a sollecitare localmente strati deboli interni al manto nevoso preesistente. Sono state osservate valanghe spontanee di neve umida o bagnata, di medie o localmente grandi dimensioni, che hanno raggiunto zone prossime al fondovalle.

* Il bollettino nivologico è redatto dal Dipartimento di monitoraggio delle valanghe di Arpa Piemonte, Comando Truppe Alpine e AINEVA. Adattato ed elaborato successivamente da Meteo Pinerolese.


ALTEZZA NEVE IN TEMPO REALE

>

Altezza neve al suolo (cm)
da 0 a 10 cm
da 10 a 20 cm
da 20 a 50 cm
da 50 a 100 cm
da 100 a 150 cm
> di 150 cm

 

Strumenti che non hanno fornito dati

 



Per inviarci le tue considerazioni sulla stabilità del manto nevoso o per informazioni sul bollettino valanghe, scrivici su info@meteopinerolese.it

Rete di rilevamento automatica del manto nevoso

COLLE BARANT

http://webgis.arpa.piemonte.it/grafici/NIVO/NIVO03.png

PRAGELATO

http://webgis.arpa.piemonte.it/grafici/NIVO/NIVO095.png



CLOT DELLA SOMA

http://webgis.arpa.piemonte.it/grafici/NIVO/NIVO261.png

SESTRIERE

http://webgis.arpa.piemonte.it/grafici/NIVO/NIVO262.png



SESTRIERE BANCHETTA

http://webgis.arpa.piemonte.it/grafici/NIVO/NIVOS3237.png

PRALI VILLA

http://webgis.arpa.piemonte.it/grafici/NIVO/NIVO264.png



SAN SICARIO

http://webgis.arpa.piemonte.it/grafici/NIVO/NIVOS2619.png

SAUZE DI CESANA

http://webgis.arpa.piemonte.it/grafici/NIVO/NIVO158.png