Meteo Pinerolese e Valli

BENVENUTI in Meteo Pinerolese e Valli Alpine

Servizio Meteorologico del Pinerolese e delle sue valli alpine, tutte le news, webcam, previsioni e tutti bollettini sempre aggiornati!


 TUTTE LE 48 WEBCAM PIU' BELLE DEL PINEROLESE

Guarda le 48 Webcam che inquadrano i più svariati paesaggi pinerolesi: dalla verde pianura pinerolese della webcam posta sulla Rocca di Cavour, al tipico paesaggio montano a 2035 metri nella webcam di Sestriere.

Le WEBCAM più spettacolari in quota

sestriere
Webcam Rifugio Selleries




SCRIVI A METEO PINEROLESE, CLICCA QUI


LA VALLE CHISONE (LA VALLE OLIMPICA).

Val Germanasca
Val Germanasca

La valle chisone

Segnata dal passaggio , in epoca preistorica, di tribù di origine ligure; abitata, agli albori della storia, dai "Centurigi" o dai "Medulli", o dai "savincazii" o dagli "Jemerii" governati dal buon Cozio che alle Alpi diede il suo nome, la Val Chisone ("clausum", chiuso; e dunque, prima del mille, Vallis Clusii, e poi Clausonia, Cluxinis, Chisone), ha storia assai antica.
Donata per la maggior parte, nel settembre 1064, dalla marchesa Adelaide all'abbazia Pinerolese di Santa Maria, l'alta Valle rimase tuttavia sotto lo scettro dei Delfini di Vienne. Guerre, sofferenze, fame si susseguirono praticamente per secoli: francesi, svizzeri, spagnoli combatterono in un alternarsi di vicende storiche e militari. Per circa seicento anni fin verso la metà del 1300, la valle appartenne alla Francia, gravitando su Briançon, Grenoble e Embrun.
Le alterne vicende delle contese tra casa Savoia e Francia portarono in valle truppe ora dell'uno ora dell'altro stato.
La battaglia dell'Assietta (19 luglio 1747) chiuderà praticamente la lunga storia cruenta della valle, ma ci saranno ancora nel 1943-45 numerose pagine di guerra e di sofferenza nella lotta di liberazione del movimento partigiano.
Ne fanno parte i Comuni di Porte, Pramollo, San Germano Chisone, Villar Perosa, Pinasca, Inverso Pinasca, Perosa Argentina, Roure, Fenestrelle, Pragelato, Usseaux.

 

L'antica "Valle Nigra", Valle Oscura inizia alla confluenza della Germanasca con il Chisone a Perosa Argentina, e si inerpica ripida fino ai 1500 metri nella conca di Prali, diramandosi, lungo il percorso, nei valloni laterali di Riclaretto e Faetto sulla sinistra della strada provinciale, di Massello, Salza e Rodoretto sulla destra.
Ancora una volta, è nel famoso atto di donazione della Contessa Adelaide che se ne trova la prima citazione. Si creano in quel periodo le borgate che si raggrupperanno poi in "Consiglio della Valle", indice - è stato scritto - di un notevole spirito di autonomia che portò a contrasti inevitabili con i signori feudali della zona.
Appare anche la denominazione di "Valle S. Martino" che per lunghi secoli la contraddistinse. La valle ebbe un avvicendarsi di occupazioni e dominazioni più o meno felici, patteggiamenti, cessioni, liti spostavano continuamente i limiti delle varie influenze. L'imbocco della valle era custodito da quel forte "Luigi", che fu una delle più valide piazzeforti di casa Savoia.
Forse solo con la "libertà" Albertina del 1848 la valle trova la pace. Oggi, la invadono eserciti di turisti: è certo la più gradita delle invasioni. Ne fanno parte i Comuni di Pomaretto, Perrero, Salza, Massello e Prali.


Fonte: Wikipedia

Il colle del Sestriere innevato.
Il colle del Sestriere innevato.

PUOI anche contattarci:

Avviso: I campi con l'asterisco sono obbligatori.


Usuarios Online